Citazioni famose su Pantalica e il fiume Anapo:                                                         home                                                                                                                                                                     

Salvatore Quasimodo - Albero                                                                

Da te un ombra si scioglie

che par morta la mia

se pure al moto oscilla

o rompe fresca acqua azzurrina

in riva all'Anapo, a cui torno stasera

che mi spinse marzo lunare

già d'erbe ricco e d'ali.

Non solo ombra vivo,

chè terra e sole e dolce dono d'acqua

t'ha fatto nuova ogni fronda,

mentr'io mi piego e secco

e sul mio viso tocco la tua scorza.

           Da te un ombra si scioglie che par morta la mia ...      "albero"   poesia di S.Quasimodo



Pierangela Fleri  - Pantalica

 L’orizzonte s’inabissa

 grappoli di desideri

 s’asciugano sulle crepe del tempo.

 

 Brucano le capre

 sui passi di storia

 rupi che mostrano profondità

 urlando il fischio del vento.

 

 Un dolore al collo,

 campanaccio arruginito

 portato con l’orgoglio di una pietra dura.

 

Fu lì che m'innamorai del cielo

e dell'acre sapore degli asparagi.


......rupi che mostrano profondità urlando il fischio del vento.....Pantalica di Pierangela Fleri




Vincenzo Consolo - Le pietre di Pantalica

Arrivammo a Pantalica, l'antichissima Hybla, ci arrampicammo su per sentieri di capre, entrammo nelle tombe della necropoli, nelle grotte-abitazioni, nei santuari scavati nelle ripide pareti della roccia a picco sulle acque dell'Anapo.Il vecchio parlava sempre, mi raccontava la sua vita, la fanciullezza e la giovinezza passate in quel luogo. Mi diceva di erbe e di animali, dei serpenti dell'Anapo, e di un enorme serpente, la biddina, fantastico drago, che pochi hanno visto, che fàscina e ingoia uomini, asini, pecore, capre.

Arrivammo a Pantalica, l'antichissima Hybla, ci arrampicammo su per sentieri di capre, entrammo nelle tombe della necropoli.....V.Consolo
    
                                                                              

  Santi Martorino - Le muse di Pantalica

S’alza la terra d’Africa muggiscono gl’Iblei,
sprofonda il mare esplode l’Etna.
Il fuoco è spento d’acqua che scende,
Il fiume scava i monti a strapiombo…
la tempesta spacca l’altipiano 
ed entra nella sua valle l’Anapo!
Ora la mia dolce fanciulla è pura
le caverne e le valli sono il tempo.
La natura aprì grotte a Pantalica 
poi l’uomo sapiens intagliò i monti
celebrando riti per i propri morti.
Pantalica muore e rivive nella sua culla.

Un alveare di case e tombe sulla montagna.
dorme nel sogno il trofeo della vita…

 ....ed entra nella sua valle l’Anapo....Santi Martorino



 Colapesce - Lyrics for Pantalica

Il fiume taglia la pietra Da quando Cristo non c'era Calpesto del finocchietto E si apre festa al mio naso

I fiori di cardo amaro Grattano alle tue caviglie Goccia di sangue nel fiume La notte beve la lepre Una montagna foriera Una necropoli intera Mi mette in mano la vita Quindi mi passa la morte La notte non mi aspetta Si porta avanti il lavoro E succhio un'altra tetta E sullo sfondo un coro C'è stato un fuoco In questa grotta bianca Esce un bambino Ha della cenere in mano Una ragazza mi ha amatoMa in quel momento non c'ero Regnavo fra le rovine Per appagare il mio ego Fra il fico d'India e le stelle La vipera cambia pelle Io mi riempio i polmoni E ti continuo a chiamare La notte non mi aspetta Si porta avanti il lavoro E succhio un'altra tetta, sì E sullo sfondo un coro C'è stato un fuoco In questa grotta bianca Esce un bambino Ha della cenere in mano C'è stato un fuoco In questa grotta bianca Esce un bambino Ha della cenere in mano 

 Il fiume taglia la pietra    Da quando Cristo non c'era......dal cantautore siciliano Colapesce


 home